lunedì 24 maggio 2010

Involtini di verza

Ma possibile che la vita quotidiana sia tutta una corsa?
Penso proprio di sì, almeno per me è così...
Tra una corsa e l'altra spesso non riesco neppure a fare la spesa, quindi mi devo arrangiare e cercare di far funzionare la fantasia.
In tutto questo ho anche una grande fortuna, le uova fresche non mi mancano mai e neppure le verdure che mi procurano le mie cognate.
Questo piatto è nato per caso... mi è stata portata una verza, che di solito mangiamo cruda tagliata molto finemente, ma questa volta più di un contorno, avevo bisogno di un piatto più completo per la cena, ecco che ho pensato a degli involtini con il tonno.



Per prima cosa ho scelto le foglie, le ho accuratamente lavate, quindi leggermente sbollentate.
Le ho scolate in una ciotola con acqua ghiacciata perchè mantenessero inalterato il loro colore, poi messe su di un panno ad asciugare.
Ho iniziato a preparare il ripieno sfruttando ciò che avevo in casa.
Ho usato 2 scatolette di tonno ed alcune foglie di verza che avevo sbollentato in precedenza, tutto sminuzzato finemente.
Ho aggiunto 1 uovo, prezzemolo, un po' di pangrattato e del parmigiano grattugiato, aggiustato di sale e pepe, mescolato bene il tutto perchè gli ingredienti si amalgamassero.
Con l'impasto ottenuto ho farcito le foglie di verza.
In una padella antiaderente ho messo a rosolare uno scalogno triturato con dell'olio d'oliva, aggiunto una scatoletta di polpa di pomodoro, sale e pepe, e lasciato cuocere qualche minuto.
Ho passato gli involtini nella farina e quindi adagiati nella salsa di pomodoro, fino a portarli a cottura.




L'intingolo è gustoso e profumato, il risultato è gradevole e delicato, quindi un'altra cena salvata e piatto sicuramente da ripetere.



Note: Il cavolo o verza, veniva usato, nell'antica Roma, per scacciare la tristezza e la malinconia, e i romani usavano mangiarli crudi anche per tamponare gli eccessi dell'alcool.
E' un concentrato energetico di Vitamine, ma anche di calcio, ferro, fosforo, potassio, magnesio...
Ha proprietà antinfiammatorie, cicatrizzanti, depurative.....
Il cavolo può essere considerato una pianta medicinale date le sue tante virtù terapeutiche.

13 commenti:

  1. mmmmmmmmmmmm..che invitanti!!! complimenti!! baci!

    RispondiElimina
  2. E' PROPRIO vero che la fantasia in tavola aiuta moltissimo.
    Bravissima Milu'

    RispondiElimina
  3. MMMM...gustosissimo guesto piatto!!

    RispondiElimina
  4. Allora oggi verza, tonno e.......fantasia! Brava Milù, immagino non ti sia mancato il pane per intingere ed asciugare il piatto!
    Brava! saluti cari

    RispondiElimina
  5. Brava Milu' !!bellissimo piatto che rifaro' quanto prima ..io nn ho mai messo il tonno devo provarli in questo modo..kiss anto

    RispondiElimina
  6. Milu' questi involtini hanno un aspetto invitantissimo. Brava!!

    RispondiElimina
  7. Ma sai che questo week end stavo proprio cercando delle ricette per gli involtini di verza? La tua ricetta capita proprio al momento giusto!! un abbraccione!

    RispondiElimina
  8. Ciao, sono Laura della redazione di Blog di Cucina.
    E’ con gran piacere che ti comunico che gli artigiani del gusto, esperti cioccolatieri Fratelli Gardini, hanno gentilmente messo in palio una selezione dei loro prodotti per il fortunato estratto fra tutti i partecipanti alla raccolta “Ricicliamo le uova di Pasqua”.
    Domani comunicheremo sulla home page del sito il risultato dell’ estrazione.
    Scopri se sarai tu il vincitore!

    A presto
    Laura BdC

    RispondiElimina
  9. Mi piace molto la verza e il cavolo in generale e proverò questa ricetta molto presto.
    Ciao, Luciana
    Mariella

    RispondiElimina
  10. Grazie Luciana, bella idea farcire con il tonno, non ho mai provato. Baci

    RispondiElimina
  11. Non avevo mai pensato di abbinare alla verza il tonno. Ma lo sai che sei una vera miniera di idee?

    RispondiElimina
  12. Ciao milù che buon piattio che hai rappresentatio,bravia sei molto fantasiosia, hai per caso vistio il mio nigiel marinario! ho fatto una appellio sull'angolo del sorrisio, quel mandrillio dove andatio!

    RispondiElimina
  13. @ Grazie Federica, baci

    @ Verissimo Carla, la fantasia aiuta e non poco in ogni occasione, grazie.

    @ Grazie Maria

    @ No Azzurra, il pane non manca mai in casa mia, e molto spesso me lo preparo con grande soddisfazione.
    Grazie, un abbraccio

    @ Anto prova poi mi saprai dire, un abbraccio

    @ Grazie Lory, un bacio

    @ Miryam sono in ritardo con le risposte, spero che tu li abbia provati e ti siano piaciuti.
    Un abbraccio a te

    @ Grazie Laura del tuo avviso, lo leggo solo ora, ma faccio comunque tante congratulazioni al vincitore.

    @ Mariella sperimenta anche tu, dai che poi mi fai sapere... baci

    @ Grazie a te Marina, sei una carissima amica che trovo sempre al mio fianco... bacioni

    @ Krilù che carina che sei!!!
    Un abbraccio

    @ Ciao Sofficina, mi dispiace per il tuo nigel marinario, ma chissà dove sarà andatio???

    RispondiElimina