martedì 24 maggio 2011

Cottage loaf - Inghilterra

Sfogliando un libro di ricette "Pane fatto in casa da tutto il mondo" Sono stata attratta da questo Cottage Loaf ed ho voluto provare a farlo...



Riporto integralmente gli ingredienti della ricetta che ho ripreso dal libro, e vi descriverò il procedimento che ho usato.


Ingredienti

300 gr. di farina 00
150 gr. di farina da pane
8 gr. di sale
25 gr. lievito fresco (quello secco è sconsigliato)
200 ml di acqua tiepida (26°C)
10 ml di olio extravergine d'oliva
1 uovo leggermente sbattuto


Procedimento

Per gli impasti io uso sempre una insostituibile aiutante, ma è possibile farli anche a mano.



Per questo impasto, ho setacciato le due farine, io ho usato la farina 00 del Molino di Chiavazza e la semola di grano duro rimacinata che ho trovato alla D.M.P. di Pistoia.
Al centro delle farine ho messo il lievito sbriciolato, ed ho iniziato a lavorare con l'impastatrice al minimo, versando l'acqua tiepida a filo, poco alla volta.
Quando la pasta ha iniziato a prendere consistenza, ho aggiunto l'olio e poi il sale.
Ho battuto l'impasto fino a renderlo morbido e compatto, quindi l'ho unto uniformemente con l'olio  e messo a lievitare per 1 ora in una ciotola coperta.


Dopo 1 ora ho sgonfiato la palla che si era creata con la mano chiusa a  pugno, ho rimesso l'impasto nella ciotola coperta e fatto lievitare ancora per 20 minuti.
Dopodichè ho rovesciato l'impasto sulla spianatoia e, senza lavorarlo, l'ho diviso in due porzioni di cui una deve essere il doppio dell'altra.
Ho unto nuovamente e lasciate riposare sulla spianatoia per 5 minuti, coperte con carta forno bagnata.
Ho ripreso le due palle di pasta, appiattite leggermente, sistemando la maggiore su una teglia da forno,
spennellato con l'acqua ed appoggiata sopra la minore, centrandola.
Ho infilato nel centro l'indice e il medio, spingendo in profondità per 1 minuto, spennellato la pagnottella con l'uovo sbattuto e  coperta di nuovo con carta forno bagnata e lasciata lievitare per altri 40 minuti.


Quindi ho ripassato l'uovo sbattuto sulla superficie e, con un coltello affilato, ho praticato una serie di tagli decisi e profondi 1 cm.
Ho coperto il pane con una grossa pentola capovolta (il suo volume deve essere il doppio di quello del pane) ed ho cotto in forno caldo a 200° C per 15 minuti, quindi ho rimosso la pentola e lasciato cuocere il pane in forno per altri 15-20 minuti.


Ho lasciato raffreddare su una gratella.



Note: Il pane che ho sfornato non assomiglia forse molto all'originale, ma devo dire che il sapore è ottimo, la crosta croccante e l'interno morbido, infatti la pagnottella, sarà anche stata piccola, ma in 3 persone è sparita al volo ed ancora non era ben freddata.
Alcune prove future che farò: appiattire ulteriormente le due palle, perchè il pane risulti più basso e largo; tagli più profondi alla base, in modo che venga tipo a spicchi staccati; poi lo studio continuerà... si accettano consigli... mi piace troppo il pane casalingo!

12 commenti:

  1. Semplicemente fantastico!!!!

    RispondiElimina
  2. Dimmi Milù, ma che cosè che non sai fare? Sicuramente che sono poche le cose che non sai fare, per queste è più facile rispondere!
    Immagina che la domanda fosse cosa saai fare? ci vorrebbe una settimana per scrivere quello che sai fare!

    Scusa se la ho tenuta lunga, ma tu la meritavi.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. sembrava una zucca,è proprio bello!

    RispondiElimina
  4. ha una forma curiosissima ^_^ Anche a me piace davvero tanto il pane fattoin casa! Non ne avevo mai visto uno che si cuocesse con la pentola così!:O

    C'è un motivo particolare??

    RispondiElimina
  5. Ma è bellissimo, molto simpatico da presentare in tavola.

    RispondiElimina
  6. Meraviglioso, fa venire voglia di provare!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. Davvero particolare come metodo di cottura ed esteticamente molto bello.
    Mi piacerebbe provarlo e sicuramente ridurrei la quantità di lievito aumentando i tempi.
    Bravissima!
    A presto!

    RispondiElimina
  8. Una preciosa presentación!!

    RispondiElimina
  9. @ Grazie Deborah
    @ Tomaso ne ho ancora moltissime cose che vorrei saper fare, non si smette mai nella vita d'imparare, Grazie caro amico, un abbraccio
    @ Marsettina l'aspetto è proprio da zucca :)
    @ Cranberry io di pani ne ho cotti in pentola ma non coperti come questo, le istruzioni erano queste, e non c'erano spiegazioni del come mai questo tipo di cottura. Immagino che sia per mantenere l'umidità... comunque è venuto ben cotto, morbido all'interno e leggermente croccante all'esterno.
    @ In effetti Maria questa forma strana, lo rende diverso e più carino anche da portare in tavola.
    @ Grazie Alda e Mariella, un abbraccio a voi.
    @ Dana, in genere quando trovo una ricetta che m'ispira, la prima volta, non conoscendola, la seguo alla lettera, la volta dopo invece inizio con i vari cambiamenti che penso di apportare. In effetti anch'io ridurrei il lievito mi sembra eccessivo anche se nel gusto non si sente. Grazie, ciao
    @ Grazie Kesito, benvenuta :)

    RispondiElimina
  10. Anche questo è sicuramente da provare!Non avendo però l'impastatrice, pensi che nella mdp verrebbe altrettanto bene? Grazie e ciao

    RispondiElimina
  11. Certo che sì, si può impastare anche a mano, solo che a me mancano le forze :( grazie a te, ciao

    RispondiElimina
  12. L'ho visto in tv, e lo voglio provare. Il tuo e' venuto bellissimo. Bravaaaaaa

    RispondiElimina