domenica 29 maggio 2011

Simil Viennetta

"Mamma sei sempre a pasticciare in cucina, mi prepari un dolcetto diverso dai soliti, da portare stasera, a casa di amici? " 
Impossibile dire di no ad un figlio, anche se magari in quel momento sarebbe stato l'ultimo dei tuoi pensieri... il piede che fa male, la dispensa mezza vuota, le idee che scarseggiano... ma la parola arrendersi, non fa parte del mio vocabolario.
Con il caldo che è arrivato in questi giorni, e dovendo escludere dolci estivi già fatti, come tipo: Crostata di frutta , Gelato al biscotto, Torta gelato al cappuccino,... ed altri ancora già sperimentati e pubblicati,  ecco all'improvviso l'ispirazione... 


... una Simil Viennetta che aveva  pubblicato Wanna, alcuni anni fa nel forum di Alice.
Ecco la ricetta e vi decriverò il mio procedimento...


Ingredienti

1/2 lt di panna fresca da montare
120 gr. di zucchero  a velo
3 chiare d'uovo
1 bustina di vanillina
cioccolato fondente
granella di nocciole


Procedimento

Ho montato a neve fermissima (come per fare una meringa) le chiare d'uovo con lo zucchero a velo e la vanillina.
 Ho montato la panna e unito le chiare  d'uovo facendo attenzione a non smontare il tutto, si ottiene un bel composto soffice ma consistente.


Dimenticavo... prima di preparare questo, ho fatto fondere al microonde il cioccolato fondente e quindi l'ho steso con un pennello in maniera sottile su della carta forno e passato in frigo.


Usando uno stampo da plum cake, ho iniziato a comporre la Simil Viennetta, facendo uno strato del composto alla base, poi ho aggiunto le lamelle di cioccolato e la granella di nocciole, quindi ho proseguito così per più strati,


terminando con il composto.


Ho chiuso il contenitore e messo nel freezer per alcune ore.


Note: A chi non piace con cioccolato fondente può sostituire anche con nutella e granelle di nocciole.
Quando avevo già iniziato a preparare la panna-meringa mi sono accorta che avevo pochissimo cioccolato fondente, mi sono dovuta adattare perchè avevo terminato anche la nutella... avrei potuto decorare la parte superiore con uno strato sottile di cioccolato.
Le foto non rendono giustizia, dato che questa fetta è stata rimediata per fotografarla, con un po' di resti della Viennetta destinata agli amici, oltretutto non risulta bella compatta perchè non è stata abbastanza in freezer, ma vi assicuro che ha un aspetto migliore oltre che la bontà! Successo garantito!!!


Oltre la Viennetta, ecco qui a raffreddarsi prima di essere preparati per portar via...


dei dolcetti al cocco e cantucci al cioccolato bianco e noci,
stanca, dolorante, ma felice di essermela cavata anche questa volta, non deludendo così chi crede in me :)


ATTENZIONE: cliccando sui nomi dei dolci sottolineati sarete condotti alla relativa ricetta.

giovedì 26 maggio 2011

Pasta e Ceci alla Pistoiese

Pur essendo nata in Toscana, le mie origine sono emiliane,  ed anche la mia cucina spesso ne risente di questo, facendomi ignorare dei piatti , appunto toscani, veramente fantastici.
Grazie a Luisa, ed al suo libro "La Cucina Pistoiese" di Luciano Bertini, ho scoperto questa Pasta e Ceci alla Pistoiese, che ho provato a fare seguendo le indicazioni trovate nel suo blog.


Questa la ricetta usata e ripresa integralmente da  Luisa


Ingredienti

200 gr ceci secchi
200 gr pasta (ditalini o ave marie)
1 rametto rosmarino
1 spicchio aglio
100 gr pomodori pelati
sale, pepe
olio extravergine di oliva


Procedimento

Circa 12 ore prima (la sera) mettete in ammollo i ceci in abbondate acqua. 
La mattina scolate i ceci e versateli in un pentola con circa 1 litro di acqua, 3 cucchiai di olio, il rametto di rosmarino, lo spicchio d'aglio "in camicia" schiacciato e la polpa di pomodoro.
Cuocete a fuoco basso per circa 2 ore e mezzo / 3.

Verso la fine della cottura aggiungete sale e pepe.

Una volta cotti i ceci, scolate e mettete da parte metà dei ceci. Togliete la parte legnosa del rosmarino e la "camicia" dell'aglio.

Frullate tutto con un mixer ad immersione e versate nuovamente i ceci interi.

Allungate eventualmente con un po' di acqua calda e riportate a bollore.
 
Cuocete la pasta e servite con un filo di olio.


Note: Ho usato la pasta a ditalini, la foto purtroppo è stata fatta dopo ore che era pronto il piatto, perchè come al solito quando mi serve,  la digitale risulta sempre scarica, quindi la pasta risulta cresciuta mentre in realtà era un bel piatto con il giusto equilibrio di crema e pasta.
Grazie agli insegnamenti di mia mamma, io ho sempre fatto, in maniera simile, la pasta e fagioli, ma con i ceci è stata la prima volta e sicuramente non sarà l'ultima, è piaciuta moltissimo anche a chi in genere non ama questo genere di piatti.

 

martedì 24 maggio 2011

Cottage loaf - Inghilterra

Sfogliando un libro di ricette "Pane fatto in casa da tutto il mondo" Sono stata attratta da questo Cottage Loaf ed ho voluto provare a farlo...



Riporto integralmente gli ingredienti della ricetta che ho ripreso dal libro, e vi descriverò il procedimento che ho usato.


Ingredienti

300 gr. di farina 00
150 gr. di farina da pane
8 gr. di sale
25 gr. lievito fresco (quello secco è sconsigliato)
200 ml di acqua tiepida (26°C)
10 ml di olio extravergine d'oliva
1 uovo leggermente sbattuto


Procedimento

Per gli impasti io uso sempre una insostituibile aiutante, ma è possibile farli anche a mano.



Per questo impasto, ho setacciato le due farine, io ho usato la farina 00 del Molino di Chiavazza e la semola di grano duro rimacinata che ho trovato alla D.M.P. di Pistoia.
Al centro delle farine ho messo il lievito sbriciolato, ed ho iniziato a lavorare con l'impastatrice al minimo, versando l'acqua tiepida a filo, poco alla volta.
Quando la pasta ha iniziato a prendere consistenza, ho aggiunto l'olio e poi il sale.
Ho battuto l'impasto fino a renderlo morbido e compatto, quindi l'ho unto uniformemente con l'olio  e messo a lievitare per 1 ora in una ciotola coperta.


Dopo 1 ora ho sgonfiato la palla che si era creata con la mano chiusa a  pugno, ho rimesso l'impasto nella ciotola coperta e fatto lievitare ancora per 20 minuti.
Dopodichè ho rovesciato l'impasto sulla spianatoia e, senza lavorarlo, l'ho diviso in due porzioni di cui una deve essere il doppio dell'altra.
Ho unto nuovamente e lasciate riposare sulla spianatoia per 5 minuti, coperte con carta forno bagnata.
Ho ripreso le due palle di pasta, appiattite leggermente, sistemando la maggiore su una teglia da forno,
spennellato con l'acqua ed appoggiata sopra la minore, centrandola.
Ho infilato nel centro l'indice e il medio, spingendo in profondità per 1 minuto, spennellato la pagnottella con l'uovo sbattuto e  coperta di nuovo con carta forno bagnata e lasciata lievitare per altri 40 minuti.


Quindi ho ripassato l'uovo sbattuto sulla superficie e, con un coltello affilato, ho praticato una serie di tagli decisi e profondi 1 cm.
Ho coperto il pane con una grossa pentola capovolta (il suo volume deve essere il doppio di quello del pane) ed ho cotto in forno caldo a 200° C per 15 minuti, quindi ho rimosso la pentola e lasciato cuocere il pane in forno per altri 15-20 minuti.


Ho lasciato raffreddare su una gratella.



Note: Il pane che ho sfornato non assomiglia forse molto all'originale, ma devo dire che il sapore è ottimo, la crosta croccante e l'interno morbido, infatti la pagnottella, sarà anche stata piccola, ma in 3 persone è sparita al volo ed ancora non era ben freddata.
Alcune prove future che farò: appiattire ulteriormente le due palle, perchè il pane risulti più basso e largo; tagli più profondi alla base, in modo che venga tipo a spicchi staccati; poi lo studio continuerà... si accettano consigli... mi piace troppo il pane casalingo!

lunedì 23 maggio 2011

Strozzapreti al pesto di zucchine e gamberetti o pancetta

Per gli amanti della pasta, questo primo piatto è semplice, veloce, poco calorico, che non guasta visto l'avvicinarsi della fatidica prova costume.


 Ma se lo vogliamo ancora più saporito ecco un'altra alternativa...



Ingredienti

2 o 3 zucchine
1 piccolo spicchio d'aglio
30 gr. di pinoli
basilico
parmigiano reggiano grattugiato
sale
olio evo q.b.

Procedimento


Data la velocità di preparazione del pesto, mettere a cuocere subito la pasta, in acqua bollente salata.



Come ogni tanto uso fare la quantità degli ingredienti è indicativa, spesso per la fretta vado ad occhio senza pesare nulla, poi ognuno a proprio gusto aggiunge o diminuisce ciò che vuole.

Scegliere delle zucchine ben sode e fresche, se piccole e senza semi meglio ancora.
Se le zucchine fossero grosse, tagliare solo la parte verde che è anche la più saporita, cercando di eliminare così la parte interna contenente i semi.
Metterle a crudo, tagliate a pezzi, in un mixer insieme ad alcune foglie di basilico, pochissimo aglio, una manciata di pinoli (c'è chi mette anche le noci), sale e mixare il tutto lasciando cadere l'olio a filo fino a raggiungere la consistenza desiderata.

  
A questo punto condire la pasta con il pesto di zucchine, che già sarebbe buona anche così, altrimenti si possono aggiungere dei pomodorini, ma io ho aggiunto per gli amanti del pesce, dei gamberetti, che usando il microonde, ho leggermente sbollentati, salati e conditi con un filo d'olio.


E per chi non gradiva il pesce, ho rimediato con delle striscioline di pancetta che ho fatto abbrustolire in padella antiaderente senza condimenti aggiunti



Con questo piatto partecipo al Contest  "In 20 minuti o meno: Ricette Speed per gente Molto occupata" di Mamma Papera's




Questa preparazione si presenta bene anche usando gli accessori Finger Food 


quindi partecipo anche al gioco online di Atmosfera Italiana





Questi accessori sono veramente molto carini, unici nei buffet, eleganti e raffinati nelle occasioni importanti, ma utili e pratici anche nella quotidianità.





Note: Le zucchine forniscono poche calorie e non hanno grassi. Sono buone fonti di potassio, di Vitamina E (che aiuta contro i radicali liberi), di Vitamina C e di acido folico. 
L'ideale sarebbe consumarle a crudo, o almeno non fare cotture prolungate, per sfruttare al meglio i principi nutritivi.  
Le zucchine hanno un'azione  lassativa, antinfiammatoria, diuretica e disintossicante.

sabato 21 maggio 2011

Bocconcini in carrozza

La presentazione non è il massimo, l'avevo pensata diversamente... ma non sempre è possibile realizzare ciò che si vuole, dovendo star ferma e facendosi aiutare da chi in cucina è bravissimo solo a mangiare :))
Ho pensato a questa vecchia semplice e banale ricetta, per continuare la mia partecipazione al gioco online di Atmosfera Italiana, usando i loro deliziosi accessori.



Ingredienti:

4 fette di pane a cassetta o pancarrè
100 di mozzarella
2 uova
un po' di latte
sale e pepe
farina 00
olio extra vergine o di semi di arachidi

Procedimento

Tagliare i bordi al pancarrè, mettere la mozzarella a fette e chiudere tipo panino, pressando leggermente.
Passare le fette così pronte, prima nel latte, poi nella farina che aiuta a chiudere i bordi ed evita la fuoriuscita della mozzarella in frittura, quindi nell'uovo battuto ed infine nel pangrattato.
Friggere in olio evo ben caldo da ambo le parti fino a doratura.
Scolarli su carta assorbente e servirli ben caldi, accompagnati da insalata, pomodori...


Note: Oltre il pane a cassetta o pancarrè, si può usare anche altri tipi, io ho provato anche con il pane toscano ed il pugliese e ci guadagna sicuramente di sapore.
Questi bocconcini sono stati fatti velocemente, tagliando a quadretti la fetta del pancarrè già cotta, mia intenzione era invece tagliarli prima della cottura, con una formina esagonale, l'aspetto sarebbe stato sicuramente più invitante, ed anche usare altre decorazioni... ma nonostante tutto partecipo ugualmente al gioco di Atmosfera Italiana



venerdì 20 maggio 2011

Blog Candy e Premi

Con questa bella immagine Francesca di Pentole e Allegria, avendo superato i 300 sostenitori, festeggia con un Blog Candy ed invita tutti a partecipare.
Inutile dire che mi sono unita ai suoi festeggiamenti, ed invito anche voi a partecipare, andandola a trovare nel suo splendido blog dove troverete tante cose interessanti.


A proposito di Blog Candy vi ricordo anche il mio iniziato il 5 maggio e che terminerà il 30 giugno, cosa aspettate a partecipare? Vi aspetto numerosi non mi deludete...



Marty di Cucina di Cotto e Spazzolato e Luana di Sognando Dolcezze mi hanno gentilmente offerto questo premio ed io ne sono felice, perchè questo mi fa pensare che evidentemente riesco a trasmettere la mia grande passione, ma anche la semplicità in tutto ciò che pubblico..
Un consiglio... i loro blog, meritano una vostra visita!


Le regole per accettare questo premio sono:
  • linkare la persona che ti ha passato il premio
  • raccontare 7 cose su di te
  • premiare 15 blog e avvisarli del premio

Su di me ho raccontato anche più di 7 cose in questi 3 anni e non saprei neppure cosa aggiungere, ma ci provo...

  1. Odio essere obbligata a stare ferma come in questo momento...
  2. Mi piace essere sempre dinamica ed attiva
  3. Ho sempre mille interessi e vorrei poterli realizzare tutti 
  4. Mi piace mettermi in gioco...
  5. La mia fame di sapere non ha mai fine
  6. Sono felice quando posso essere d'aiuto agli altri
  7. Aspetto con ansia la pensione per poter dedicare più tempo ai miei interessi
Ed ora i 15 blog
  1. http://tomaso-passatoepresente.blogspot.com/
  2. http://nelmondodikrilu.blogspot.com/
  3. http://ilfilochecrea.blogspot.com/
  4. http://lepappedialessandra.blogspot.com/
  5. http://lacucinadicasamia.wordpress.com/
  6. http://nonnasole.blogspot.com/
  7. http://www.alloryincucina.it/
  8. http://langolodimaria-maria53.blogspot.com/
  9. http://lerbacipollina.blogspot.com/
  10. http://azzurratagliaecucina.blogspot.com/
  11. http://ildolcemondodisara.blogspot.com/ 
  12. http://folliecreativedigisella.blogspot.com/
  13. http://mamanluisa.blogspot.com/
  14. http://tricotcrocette.blogspot.com/
  15. http://idolcidiagata.blogspot.com/
 Premiare tutti è impossibile, e questa cosa mi dispiace, ma naturalmente chi mi segue e vuole prelevarlo è liberissimo di farlo, magari dicendo che lo ha ricevuto da me.

martedì 17 maggio 2011

Corro corro... e Girocollo

Questo blog è nato da un incidente che mi aveva costretta a starmene ferma e buona...


A distanza di tre anni, le mie corse quotidiane si sono momentaneamente rifermate, ed eccomi di nuovo qua in queste condizioni...


Oltre il dolore, non è immaginabile il nervosismo che accompagna le mie giornate... non sarebbe mai il momento giusto per questo genere di riposo forzato, ma ora più che mai con i molti ed importanti impegni che ci sono a fine scuola, avrei voluto essere attiva.
Passerà anche questa, spero solo che la fortuna ritrovi presto l'indirizzo di casa mia...

A questo punto vi potrei dare la ricetta per fare uno zampone, ma scommetto che non interessa a nessuno, quindi vi mostrerò cosa ho combinato dovendo star ferma...


Dal Sal che avevo fatto per lo scialletto scaldacollo con rouche, mi era avanzato un po' di filato ed avendo visto questo splendido girocollo non ho resistito a provare a farlo.

Lo schema si chiama Cable Braided Necklace ed è stato creato da Olga Buraya- Kefelian , ed io ho trovato la traduzione delle istruzioni su Knittiland .



Che ne dite? Oltre ad essere originale e molto carino è anche veloce da farsi, ed oltre la collana si può fare un bracciale, un cerchietto...


Le giornate sono lunghe da passare per una che non riesce mai a star ferma, ma peggio ancora la notte quando non si riesce a dormire... la mia mente sta già pensando a nuovi passatempi per difendersi dall'esaurimento nervoso.

sabato 14 maggio 2011

Video Corso "La Cucina Mediorientale"

Serata conclusiva del Corso di Cucina del Mediterraneo e Vicino Oriente alla Scuola Gustar di Pistoia.


Prima serata: La Cucina Maghrebina
Seconda serata: La Cucina Greco-Turca
Terza serata: La Cucina Mediorientale


Il carrello pronto per servire in tavola...


Antipasto misto
Tabbuleh (insalata di grano)
Muhmmàra (crema di peperoni e noci piccante)
Hommos (crema di ceci e sesamo)
Entrèe
Falafel (polpettine di ceci)
Tahina (salsa di sesamo)
Piatto principale
Kibbeh sanyeh (sformato di grano e carne)
Salsa allo yogurt
Insalatina orientale

La presentazione del piatto


Per concludere la cena, dolcetti al cocco con fragoline, offerti dal proprietario della Scuola Gustar


Attestato di partecipazione al Corso


Un ringraziamento alla Scuola Gustar di Pistoia, al Maestro Jean-Michel Carasso, a Luisa Ghetti,  per queste prime tre interessanti serate, per la loro disponibilità, gentilezza e simpatia.

Il video della serata



Ciao alla prossima!

martedì 10 maggio 2011

Farfalla con spuma di ricotta , cioccolato e menta

Con questa preparazione sfiziosa partecipo al gioco online di Atmosfera Italiana 
e se la mia farfalla vi piace potete votarla QUI






Ingredienti

100 gr. di pasta sfoglia
1 uovo
200 gr. di ricotta
5  foglie di menta
50 gr. di cioccolato
q.b. di zucchero a velo

 Procedimento

Ho tagliato la pasta sfoglia con una formina a farfalla, l'ho spennellata con un uovo e infornato per circa 10 minuti a 200°.
Ho preparato la farcitura con la ricotta, le foglie di menta sminuzzate e 3/4 di cioccolato tritato finemente, il restante l'ho fuso nel microonde, per la decorazione.
Usando una sac a poche, ho farcito con la spuma i vari strati, ho creato le antenne con il cioccolato fuso ed ho spolverizzato il tutto con zucchero a velo.

Ho servito la mia farfalla, in un piattino/vassoio finger food, questi accessori sono deliziosi, vi consiglio di dare un'occhiata ne troverete di tante altre forme , e ve ne innamorerete com'è successo a me.




domenica 8 maggio 2011

Video Corso "La Cucina Greco-Turca"

Seconda serata del Corso di Cucina del Mediterraneo e vicino Oriente con Jean-Michel Carasso e Luisa Ghetti "La Cucina Greco-Turca".




Antipasto misto
Zaziki/çaçik (insalata di yogurt)
Melitzanosalata (mousse di melanzane)
Fava (puré di piselli gialli)

Entrée
Polpettine di zucchine e feta alla menta

Piatto principale
Mussakà (sformato di melanzane e carne)

Gelato con crema alla Halvà e sesamo creato dal direttore gastronomico della Scuola, lo Chef Bedu David




Sei sempre nel mio cuore ♥


Auguri a tutte le mamme del mondo!!!

giovedì 5 maggio 2011

Festeggia con me...

Dopo aver riflettuto alcuni giorni su come festeggiare i 3 anni del mio blog, sono giunta ad una conclusione...


... essendo la mia prima iniziativa voglio dare a tutti la possibilità di partecipare, considerando che tra i miei lettori ce ne sono molti amanti della cucina ma anche tanti altri con interessi diversi, ho pensato ad un Blog Candy, scegliendo questa immagine che mi ha vista entrare nel mondo dei bloggers.

Per partecipare sono previste poche e semplici regole:

  1.  Lasciare un commento sotto questo post, e solo qui!
  2.  Per chi ha un blog, prelevare il banner e pubblicarlo, linkandolo a questa pagina, sulla front page.
  3. Chi non ha un blog, può partecipare ugualmente, scrivendomi la sua adesione  per posta elettronica.
  4.  Non voglio obbligare nessuno ad iscriversi tra i miei sostenitori, anche se non nascondo che la cosa mi farebbe piacere, avrei così la possibilità di conoscere nuovi amici.
  5.  Ringrazio chi volesse pubblicizzare l'iniziativa per farla conoscere così anche ad altri.
  6.  Il Blog Candy parte da oggi e scadrà il prossimo 30 giugno, giorno in cui termineranno anche i miei impegni scolastici.

Come in tutti i Blog Candy ci sarà un premio ad estrazione, probabilmente saranno anche più di 1... ma  per sapere quali e quanti saranno, dovrete attendere ancora...

Vi aspetto numerosi, in bocca al lupo a tutti i partecipanti!!!

domenica 1 maggio 2011

3 Anni

Mi presento sono Milù...
e chi ne vuol saper di più...
mi segua!



1° Maggio 2008 
Sono trascorsi 3 anni da quando pubblicai il mio primo post...

Mi sono affacciata nel mondo dei blogger per crearmi un quaderno virtuale dove annotare le ricette che mi attirano di più, i vari lavoretti che cerco di fare nel tempo libero, le foto di eventi a cui riesco a partecipare, ma anche i miei pensieri, sfoghi, gioie e dolori...

Non avrei certo mai immaginato di trovare così tante persone disposte a seguirmi, incoraggiarmi, sostenermi... e questo vi confesso, che per me è stata oltre che una bella sorpresa, anche una grande soddisfazione personale.

In questo nuovo mondo ho scoperto tanti nuovi amici, che ben volentieri ho invitato nel mio paesello immerso nel verde... Popiglio



Vi ho accolto nella mia cucina...


Vi ho mostrato la grande tavola della mia sala da pranzo, dove con gioia raduno la famiglia, gli amici...



E qui... dove appena posso mi rifugio per creare i miei lavoretti...



Per ringraziare tutti coloro che mi seguono, quest'anno ho intenzione di festeggiare il compleanno del mio blog, tra qualche giorno vi dirò come... mi raccomando, restate sintonizzati su questo canale e saprete di cosa si tratta.