giovedì 23 febbraio 2012

Tortelli alle erbette

Era da tempo che non preparavo i tortelli alle erbette... chissà, l'ultima volta forse ho proprio aiutato mia mamma a farli e da allora li avevo lasciati nel dimenticatoio, ma visto che piacciono molto ai miei figli, e ancor di più al mio nipotino che ne va pazzo, mi sono decisa e messa all'opera.
Mia mamma era una bravissima cuoca, non l'ho mai vista usare la bilancia, andava ad occhio in tutte le sue preparazioni e non falliva mai, giusta consistenza... giusto sapore... e un profumo indescrivibile aleggiava sempre nella sua cucina.
Noi figli abbiamo sempre goduto del suo operato, quando non riusciva a riunirci intorno alla sua tavola, immancabilmente aveva sempre pronto un contenitore, con razioni di cibo già cotto per noi e le nostre famiglie.
Sinceramente sono vissuta anni,  senza preoccuparmi troppo di cucinare, ma da quando purtroppo lei non è più al mio fianco, ho iniziato a cercare di mettere in pratica tutti i suoi insegnamenti... non riuscirò mai ad essere brava come lei, ma sicuramente ha lasciato una traccia in me...

Ingredienti

Per il ripieno:
800 gr. tra bietola e spinaci
500 gr. ricotta 
1 uovo intero
parmigiano reggiano
noce moscata
sale e pepe

Per la pasta:
500 gr. farina
5 uova

Procedimento

Pulire e lavare le erbette, metterle a cuocere in una pentola con poca acqua bollente salata, bastano pochi minuti, quindi scolarle e strizzarle bene per togliere l'acqua in eccesso.
Lasciar insaporire l'erbette in una padella con una noce di burro e uno spicchio d'aglio (c'è chi non usa ripassare l'erbette in padella con l'aglio, chi lascia lo spicchio intero per poi toglierlo, e chi invece lo lascia, questo dipende da gusti personali).
Tritare le erbette con la mezzaluna o con un robot, lasciare raffreddare leggermente poi aggiungere la ricotta, l'uovo, il parmigiano reggiano abbondante, ed eventualmente un po' di farina e pane grattugiato, salare, pepare e profumare con noce moscata.
Mescolare per amalgamare bene il ripieno, deve essere delicato ma anche saporito, nè troppo molle, nè troppo duro.

Preparare l'impasto con la solita classica ricetta della pasta all'uovo.
Mettere la farina nell'impastatrice o sulla spinatoia, aggiungere le uova e lavorare il tutto.
Si deve ottenere un'impasto liscio e ben amalgamato, lasciarlo riposare per un po' coperto con un telo, quindi iniziare a fare le strisce
(io ho fatto delle strisce larghe per ottenere tortelli grossi) 
tagliarle con la rondella, mettere la quantità di ripieno in base alla grossezza del quadrato tagliato, 
e piegare la sfoglia come per i classici tortellini (per vedere le foto passo passo clicca QUI).
Cuocere i tortelli in abbondante acqua bollente salata, scolarli e condirli con burro fuso profumato alla salvia ed abbondante parmigiano reggiano grattugiato...
... o anche ragù.


Note. La sfoglia deve essere sottile ma non eccessivamente, in genere io uso il penultimo buco della macchina per la pasta, ma la prossima volta voglio provare ad usare l'ultimo buco.
Fare una striscia alla volta, per evitare che nell'attesa della lavorazione, la pasta non si secchi, e per il solito motivo, lasciare l'impasto sempre coperto da un telo.
Gli ingredienti di base del ripieno, possono variare nella proporzione della composizione, secondo le tradizioni locali e familiari.
I tortelli, si possono consumare subito, o conservarli nel congelatore.
Per conservarli, è bene metterli su di un vassoio ben stesi nel congelatore, quando sono congelati, si possono trasferire negli appositi sacchetti da freezer, e si consumano cuocendoli senza scongelarli.

Per questa ricetta, in cucina con me...












8 commenti:

  1. Che buoni Milù , mette una certa appetito.

    RispondiElimina
  2. caterina zaffora23 febbraio 2012 22:57

    ciao luciana, sei una persona speciale e sicuramente la tua mamma e' fiera di te, da lassu' ti segue e ti guida nel tuo cammino di vita.

    RispondiElimina
  3. che dire sono perfetti ..... a me non riescono così bene ....complimenti Milù ciao un bacio

    RispondiElimina
  4. Ciao Milù :) Anch'io i tortelli alle erbette e ricotta li faccio proprio così. Quanto sono buoni!
    Talvolta, in primavera, quando ancora riuscivo ad andare per prati a raccogliere erbe selvatiche, utilizzavo quelle, anziché spinaci e biete. Hai mai provato? certo le erbe bisogna conoscerle bene per non incorrere in rischi.

    RispondiElimina
  5. amo tantissimo questi tortelli,e anche mia madr li prepara senza la bilancia come del resto tutto quello che cucina!

    RispondiElimina
  6. Una forma perfetta, e sicuramente un gusto squisito

    RispondiElimina
  7. cercavo dei tortelli alle erbette per un contest un po' particolare e mi sono imbattuta nel tuo blog! Bello e brava! Anche mia mamma fa tutto ad occhio, e le viene tutto magnificamente! io le chiedo pero' mi scrivo tutto, solo per le ricette ormai collaudate e sentite proprio "mie" faccio come lei!!! ti ho "rubato" un po' di ricetta....se vuoi fai un giro da me...ciaooooooooooo

    RispondiElimina